Comune di Campli – Masseri

La piccola frazione di Masseri è oggi completamente disabitata, invasa dalla natura più selvaggia. Il borgo era costituito da poche case, dal palazzo della famiglia teramana De Santis, proprietaria del luogo, e dalla Chiesa della Madonna del Rosario. Negli anni ’70 del XX secolo fu minacciata da una frana, la popolazione costretta ad abbandonarla e a trasferirsi nelle località limitrofe. Lo storico Nicola Palma fa derivare il toponimo dalla presenza di “massi di tufo” presenti in grande quantità nella collina dove sorge il paese. Insieme alle contrade di Campiglio e Pastinella fece parte dei feudi dei Melatino; ne fu curazia la Chiesa di S. Maria ad Campilium.

EX CHIESA DELLA MADONNA DEL ROSARIO

La Chiesa della Madonna del Rosario oggi in rovina, è situata a Masseri, frazione di Campli, cappella privata della famiglia Palma. Svolse anche la funzione di parrocchia, per il crollo della chiesa parrocchiale. Di origine antica, fu restaurata nel XIX secolo. L’edificio presentava un tetto a capanna ed un piccolo campanile a vela con campana nella parte posteriore. L’interno, a navata unica, possedeva un soffitto affrescato cui restano alcune tracce. Lo storico camplese Nicola Palma scrive che, nel XIX secolo, il patronato della chiesa parrocchiale di Masseri era della famiglia Paluzzi di Castiglione Messer Raimondo.

Aiutaci a migliorare la traduzione per la vostra lingua

Puoi modificare qualsiasi testo facendo clic (premere Invio dopo avere cambiato)

X