Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/customer/www/6amico.com/public_html/wp-content/themes/mycity/assets/style_scripts.php on line 293
Chiesa parrocchiale dei SS. Mariano e Giacomo - 6amico

Nel 1600 Giovanni Farina donò ai Carmelitani la propria abitazione trasformata in seguito in convento, dove i frati si stabilirono nel 1605. L’edificio, in muratura con pietre non lavorate e poca malta, presenta sulla facciata un portale ad arco ribassato con cornici modanate e voluta; accanto l’ingresso è murata una maiolica seicentesca raffigurante la “Madonna del Carmine ed Anime Purganti”. L’ex convento ospita un chiostro con loggiato ad archi a tutto sesto e volte a crociera. L’annessa Chiesa parrocchiale dei SS. Mariano e Giacomo era cappella dei frati. L’ultimo abate dell’antica Collegiata (non più esistente) vi trasferì il culto perché fatiscente e chiusa dalla soppressione francese dell’Ordine. Il piccolo edificio mostra una facciata rettangolare rialzata e campanile a vela con unica campana; le pareti a destra presentano un rafforzamento a scarpa. Nella lunetta sovrastante il portale sono raffigurati in bassorilievo i santi martiri titolari patroni di Nocella, tra S. Pancrazio protettore di Campli; al di sopra un oculo. L’interno, a navata unica, colpisce per il bel soffitto ligneo barocco, con vedute prospettiche, architetture e tondi con santi carmelitani. Al centro la “Madonna che consegna lo scapolare a S. Alberto di Gerusalemme” (o S. Simone Stock). Dietro l’altare maggiore si nota una modesta tela rappresentante la “Madonna del Carmine con Santi carmelitani ed Anime Purganti”; in un angolo in basso il committente forse Giovanni Farina. Su due mensole laterali statue lignee della Madonna del Carmine e S. Gabriele dell’Addolorata, patrono d’Abruzzo. La chiesa custodisce anche un busto fittile di scuola nocellese (S. Antonio Abate); sotto un altare laterale, un reliquiario a braccio (1778) ed un busto di S. Mariano, in lamina d’argento e dorature. Dal 1604 al 1716 è documentata la presenza della Confraternita del Rosario. La parrocchiale possedeva 11 cappelle di patronato laicale.

Aiutaci a migliorare la traduzione per la vostra lingua

Puoi modificare qualsiasi testo facendo clic (premere Invio dopo avere cambiato)

X

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione pubblicitaria. Sono invece utilizzati cookie tecnici (durata:6 mesi) per migliorare la tua esperienza di navigazione. <a href="https://www.wikihow.it/Disattivare-i-Cookie" target="_blank">Clicca qui</a> per scoprire come disabilitare i cookie nel tuo browser. Oppure <a href="https://www.wikihow.it/Cancellare-i-Cookie-del-tuo-Browser-Internet" target="_blank">clicca qui </a>se vuoi sapere come cancellare i cookie dal tuo browser. Tieni presente che se disabiliti i cookie alcuni contenuti potrebbero non essere visualizzati corretamente (es. mappe di google, video, ecc.). Se vuoi saperne di più leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Per modificare il tuo consenso clicca <a href="https://6amico.com/cookie-policy/">qui</a>. Cliccando su "Accetto" acconsenti all'istallazione dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi